Passione Gourmet Faro di Capo d'Orso, Pierfranco Ferrara . Maiori (SA) di Norbert - Passione Gourmet

Faro di Capo d’Orso, Pierfranco Ferrara . Maiori (SA) di Norbert

Ristorante
Recensito da Presidente

Valutazione

15/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

Difetti

Visitato il 04-2020

Img_2736

Recensione ristorante.

Probabilmente è la più bella location d’Italia.
La mia constatazione è stata repentinamente avallata dall’amico Fabio Fiorillo che, da buon commensale, ha contribuito alla stesura della scheda.
Entrare nella bomboniera del Faro di Capo d’Orso in una bella giornata di sole, ma anche no, rinfranca il cuore e lo spirito predisponendo l’avventore ad un indiscutibile stato di benessere.

Img_2743

Img_2743

La sala con pareti in pietra, modaiola finestra sulla cucina, ampie vetrate ad omaggiare la natura circostante, pavimento in maioliche di Vietri del colore del cielo e del mare quasi simboleggia un loro ideale continuum.
Il servizio è governato da Pio Ferrara con garbo e bonomia e, per tutto il pasto, sarà attento e puntuale. La cantina presenta, con ricarichi accettabili, un’ampia panoramica nazionale, mentre è decisamente meno ricca e variegata l’offerta straniera, Francia compresa.
La nostra scelta: Ribolla gialla di Miani 2006 (65 euro): grande prodotto di un grande produttore.
Dalla cucina arriva, quale gentile omaggio, un onesto calzoncello fritto ricotta e limone ed una buona tartare d’astice (invero tiepida) con mango.
Il menu, ancora di stampo invernale (pochi giorni dopo sarebbe stato sostituito da quello primaverile), non offre grandissima scelta, 4 gli antipasti, così come i primi ed i secondi, con un solo piatto di carne. Ridimensionate anche le proposte guidate (quattro portate e 65 euro), ma il degustazione “lungo” e creativo (usualmente proposto a 120 e più euro), con la penuria di clienti che questo angolo di paradiso offre nella “brutta stagione” non avrebbe, probabilmente, avuto molti consensi.

Pre-antipasti.

Img_2743

L’impressione che avevamo avuto nelle nostre precedenti esperienze, di qualche “eccesso” nelle preparazioni, è stata pienamente confermata nella nostra ultima visita.
La tecnica è perfetta e le cotture sono millimetriche nella quasi totalità delle proposte, ma non si può non notare uno o due ingredienti di troppo, aggiunti qua e là, quasi per dare un’impronta personale alla cucina per distaccarsi dalla omologata ristorazione della Costiera.
La zuppetta di lenticchie, triglie scottate bardate con guanciale, costina di maiale confit e fior di latte ne è un esempio.

Img_2743

Consistenze da manuale: i componenti presi singolarmente sono straordinari, ma un certo barocchismo di ritorno pervade il piatto ed appesantisce anzichè alleggerire lo spirito mediterraneo che dovrebbe caratterizzare questo tipo di cucina (lo chef si è fatto le ossa in Francia ma deve averne mutuato un malinteso senso compositivo dei piatti). E così per esempio la costina, pur squisita, ci sembra pleonastica rispetto alla delicata triglia già degnamente a braccetto con la bardatura e la zuppa.
Analogamente,anche se in misura minore,la tarte tiepida d’astice, carciofi, gamberi, mozzarella e tartufo nero risente di tale impostazione. “Tanta roba”, di ineccepibile qualità, ma in equilibrio precario.

Img_2743

Il risotto carnaroli è ben mantecato con fagioli cannellini, cozze, ricotta di bufala, totano nero e scampi. L’accoppiata fagioli-cozze è rustica per definizione, lo stile, anche nella presentazione, non cambia. La composizione prevede che i tranci di due significativi totani siano riempiti di riso. La mancanza di contrasti(e la quantità) lo rende un po’ monotematico.

Img_2743

Decisamente più equilibrati i golosi spaghettoni di Gragnano, polpetti affogati, gherigli di noci, peperoncino piccante e limone candito. L’agrume compie egregiamente il suo lavoro di contraltare della grassezza del cefalopode con il risultato che si gode davvero.

Img_2743

Le linguine agli scampi,vongole e seppie con cavolfiore e tartufo nero sono molto buone, notevole l’amalgama tra i vari ingredienti.

Img_2743

I secondi, seppur “viziati” dalle ridondanze di cui sopra, sono interessanti:
La ricciola cotta in tegame,con totanetti, patate, pomodorini canditi, gamberi, seppie, olive di Ferrandina, capperi e cozze(e chi più ne ha più ne metta) ed il dentice dolcemente scottato in padella con guanciale e salsa di broccoletti al limone,calamari e mozzarella di bufala (ennesimo abbinamento mare-latte).

Img_2743

Img_2743

Il fil rouge del nostro pranzo è stato senza dubbio la selezione della materia prima, da primato.
Dopo un notevole carpaccio d’ananas marinato con lime, basilico pepe e vaniglia che prepara con piacevole efficacia al reparto dolce, assaggiamo un’ottima sfogliata alla ricotta e cannella con salsa al cioccolato,un buono ma meno riuscito tronchetto al cioccolato bianco con sfusato amalfitano e tuile al pistacchio ed un cremoso di fragola, cioccolato bianco e salsa al basilico, dove lo scrigno di cioccolato è fin troppo tenace.

Img_2743

Img_2743

Img_2743

Img_2743

Img_2743

L’unica vera critica che, come avrete inteso, si può muovere a Pierfranco Ferrara è la ricerca di stupire in ogni sua creazione, sia con la cura estetica delle presentazioni, alcune davvero riuscite , sia con la sovrabbondanza di ingredienti, quasi a riprodurre sovrastrutture gustative non sempre piacevoli.
Quando in cucina comprenderanno che la via maestra da seguire è quella dell’essenzialità, di questo gioiello della costa amalfitana, siam sicuri, se ne parlerà tanto.

il pregio : Una posizione di incomparabile bellezza.

il difetto : Lo stile un pò barocco

Ristorante Il Faro di Capo d’Orso
Via D.Taiani 48
Maiori(SA)
Tel (+39) 089 877022
Chiuso il martedì e fino a marzo anche il mercoledì.
Menù degustazione: 65 euro (120 euro per un percorso più completo nella stagione estiva)
Alla carta circa 80 euro

http://www.ilfarodicapodorso.it/

Visitato nel mese di Marzo 2010

Visualizzazione ingrandita della mappa

Norbert


  • Notice: wpdb::prepare è stato richiamato in maniera scorretta. La query non contiene il numero corretto di segnaposti (1) in relazione al numero di argomenti trasmessi (2). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.8.3.) in /var/www/test.passionegourmet.it/htdocs/wp-includes/functions.php on line 4201

  • Notice: wpdb::prepare è stato richiamato in maniera scorretta. La query non contiene il numero corretto di segnaposti (1) in relazione al numero di argomenti trasmessi (2). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.8.3.) in /var/www/test.passionegourmet.it/htdocs/wp-includes/functions.php on line 4201

18 Commenti.

  • Wellness Sardinia – Top Spa Hotel 5 | Healthokok - Only discuss health and Weight loss23 Maggio 2010

    [...] Faro di Capo d’Orso, Pierfranco Ferrara . Maiori (SA) di Norbert « Passione Gourmet [...]

  • Giovanni Lagnese2 Aprile 2010

    Si vede che tu non ci sei mai stato, guardià... Giovanni

  • Fabio Fiorillofabio fiorillo2 Aprile 2010

    nessun assolutismo Roberto, e il "probabilmente" sta lì a testimoniarlo. Certo che paragonare il lago di Como alla Costiera Amalfitana... De gustibus

  • Claudio Persichellanorbert2 Aprile 2010

    Probabilmente significa secondo la nostra modesta opinione. E comunque qui stiamo parlando di una buona tavola unita ad un magnifico panorama. Non so gli altri.

  • Il Guardiano del Faro2 Aprile 2010

    Certi assolutismi mi hanno stancato, come leggo anche qui, e non credo che anche uno Splendido a Portofino o un Serbelloni a Bellagio possano soffrire paragoni.

  • Giovanni Lagnese2 Aprile 2010

    Mannò. È ciò che fa cambiare i presupposti del tuo modo di vedere (nello specifico, di degustare) le cose. Vedi decostruzionismo di Adrià (che non è decostruzione di piatti, ma decostruzione di approcci). Giovanni

  • Simone Ricci1 Aprile 2010

    @giovanni lagnese "la mancanza di vere provocazioni al palato" cosa è una provocazione al palato? mangiare cacca?

  • Fabio Fiorillofabio fiorillo1 Aprile 2010

    per essenzialità non intendo minimalismo, nè privazionismo ma la ricerca del "giusto necessario" che, beninteso, nelle ricette più complesse, può voler dire anche 10 o più ingredienti differenti.

  • Giovanni Lagnese31 Marzo 2010

    Detto questo, posso dire che condivido il 15 assegnato da Norbert. Giovanni

  • ludiosa31 Marzo 2010

    Il faro di capodorso, è una delle più belle realtà della campania, ci sono stato diverse volte, anche se è vero che la cucina ostenta molta ricerca, non sbagliano mai un colpo. Continuate così.

  • Giovanni Lagnese31 Marzo 2010

    E oggi, parliamoci chiaro, è probabilmente più originale una cucina "complessa" di una cucina minimalista, in linea di massima. Giovanni

  • Giovanni Lagnese31 Marzo 2010

    Tra l'altro, in base alle mie due visite al Faro di Capo d'Orso, devo dire che il vero "difetto" non mi sembra essere la complessità. Anzi. Il vero difetto mi sembra piuttosto la poetica un po' borghese, la mancanza di vere provocazioni al palato. Giovanni

  • Giovanni Lagnese31 Marzo 2010

    Non credo che "la via maestra da seguire è quella dell’essenzialità". Penso sia semplicemente UNA via. Non l'unica. Anche la complessità può essere molto interessante. Giovanni

  • velavale31 Marzo 2010

    in effetti dalle foto si sente un pò la necessità di sotrrarre qualche cosa pur non avendovi mai cenato e quindi con tutto il rispeto dell'altrui lavoro.

  • Claudio Persichellanorbert31 Marzo 2010

    In effetti di ristoranti di fascino c'è l'imbarazzo della scelta sulle due costiere. Anche il Rossellinis non è malaccio....

  • franco francese31 Marzo 2010

    pure il san pietro non pare una schifezza di location.

  • Fabio Fiorillofabio fiorillo31 Marzo 2010

    Penso che le esperienze francesi abbiano instillato nello chef il senso di rispetto della materia prima; e lo si nota sia con la selezione delle stesse che con ineccepibili cotture. Purtroppo, credo, come è stato stigmatizzato nella scheda, che Ferrara abbia assimiliato, errando, anche una distorta concezione dell'assemblaggio dei piatti. In ogni preparazione ci sono sempre "troppi" ingredienti, a volte davvero superflui. Il Relais Blu è indubbiamente un'altra location di grande fascino, ma, sarò di parte, la Costiera Amalfitana offre diverse e più intense suggestioni.

  • Giampiero Prozzo31 Marzo 2010

    Quoto in toto la recensione. Grandissima cura nell'impiattamento e cotture sempre perfette. Pensate che le esperienze francesi dello chef siano rilevabili da qualcosa? L'unico cosa da cui dissento è sulla palma della location che secondo me ha dovuto cedere al "Relais blu".

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *