Passione Gourmet Il Michelaccio a Genova, grande trattoria d'autore? - Passione Gourmet

Il Michelaccio

Trattoria
Via Innocenzo Frugoni, 49, 16121 Genova
Chef Fabio Fauraz
Recensito da Alberto Cauzzi

Valutazione

Pregi

  • Uno spazio informale e giovane.
  • Una carta dei vini con referenze molto interessanti.
  • Un servizio spigliato.
  • La cucina, che può far divertire molto.

Difetti

  • La difficoltà di parcheggio in zona.
Visitato il 01-2019

A Genova un bistrot con cucina interessante e vini mai banali

Genova è una città che, a dispetto di altri capoluoghi italiani, non ha molto da offrire in termini di qualità a tavola. Può sembrar strano, ma è drammaticamente così. Ecco quindi che in un panorama così uniforme  si staglia, a dire il vero anche in maniera piuttosto significativa, questo grazioso bistrot contemporaneo. L’offerta è varia: piatti semplici e una carta senza distinzione tra primi, secondi e antipasti. Qualche assaggio, tra spuntini gastronomici e stuzzicheria.

A fare da contraltare, una cantina profonda e interessante popolata da vini veri e assai simpatizzante verso il mondo Triple A, una carta dei cocktails e, per finire, una sezione di distillati in grado di accontentare il pubblico più eterogeneo. Del resto, si viene qui attirati dalla prospettiva di uno stuzzichino, una merenda, una buona bottiglia, un aperitivo, un pranzo o una cena. Ma l’aspetto che più intriga è che un locale dalla natura polifunzionale ospiti una cucina che sa anche mettersi in doppiopetto se solo darete mano libera a Fabio Fauraz, chef e patron di questa storia.

Un’insegna di grande appeal oggi; domani, una grande trattoria d’autore

Il nostro giudizio, per l’impostazione del locale e per i prezzi davvero encomiabili, vira verso la grande trattoria d’autore di cui Trippa e Il Ronchettino sono già i prodromi. Ma se chiedete alla cucina di prepararvi qualche piatto a mano libera possono uscire preparazioni che, in taluni casi, strizzano l’occhio ai migliori ristoranti della zona, quelli che hanno delle velleità, per intenderci.

Comunque sia, la rivisitazione dei piatti della tradizione genovese trova il suo culmine nella focaccia di calamari, in cui la focaccia di Recco trasfigura in una lieve ed eterea sfoglia di calamari, resa elastica grazie all’albumina presente naturalmente nel cefalopode. Intrigante l’orientalizzazione che ricorda i dim sum dei Ravioli genovesi al vapore e tocco di carne, intensissimo quest’ultimo, in salsa, e la Zeraria di carne, ottimo punto di congiunzione tra la millefoglie e la terrina. Maggiore rifinitura la meritano gli spaghetti, penalizzati dalla cozza, non propriamente espressiva, e dal limone prevaricante. Intrigante invece la Panera Genovese a cui ha dato la svolta un tocco di essenza, così ci piace chiamarlo, di rhum Hampden Estate.

Nel complesso non possiamo che fare un sentito plauso a questa iniziativa!

La galleria fotografica:


  • Notice: wpdb::prepare è stato richiamato in maniera scorretta. La query non contiene il numero corretto di segnaposti (1) in relazione al numero di argomenti trasmessi (2). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.8.3.) in /var/www/test.passionegourmet.it/htdocs/wp-includes/functions.php on line 4201

  • Notice: wpdb::prepare è stato richiamato in maniera scorretta. La query non contiene il numero corretto di segnaposti (1) in relazione al numero di argomenti trasmessi (2). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.8.3.) in /var/www/test.passionegourmet.it/htdocs/wp-includes/functions.php on line 4201

2 Commenti.

  • LAURA25 Febbraio 2019

    Fabio è un grande. Riesce a trasformare in cibo la sua innata semplicità ed ironia, vestendole di un gusto sontuoso.

  • giovanni22 Febbraio 2019

    Fabio Fauraz del Michelaccio...un Genietto dispettoso.

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *