Passione Gourmet Un nuovo Iyo - Aalto - a Milano - Passione Gourmet

Un nuovo Iyo – Aalto – a Milano

di Orazio Vagnozzi

Sushi al banco e ristorante gastronomico

Iyo Aalto, il secondo ristorante di Claudio Liu, ha aperto i battenti il 5 novembre, nel distretto di Porta Nuova a Milano, in piazza Alvar Aalto, all’interno della Torre Solaria. Segue allo stellato Iyo di via Piero della Francesca. 

Iyo Aalto è un ristorante giapponese con due ambienti distinti: il sushi banco, per pochi intimi, raccolto, nello spirito della tradizione dell’edomae zushi (Edo significa Tokyo) e il ristorante gastronomico, nella cui ampia sala si serve cucina giapponese contemporanea.

Al banco nel percorso omakase edomae, i nigiri sono preparati davanti all’ospite e serviti uno alla volta secondo una sequenza progressiva di grassezze e umami. È un percorso che alterna sushi espresso a intervalli di “cucina cucinata” giapponese autentica, sia essa al vapore o alla griglia robatayaki nel rispetto di stagionalità, selezione quotidiana del pesce più pregiato, attenzione spasmodica al riso, intolleranze e idiosincrasie di ogni ospite. Dietro al banco i sushi master o meglio gli shokunin Masashi Suzuki e Luciano Yamashita assistiti in sala da Miwa Saito.

Nella sala del ristorante gastronomico, invece, viene proposto un ampio patrimonio di piatti, prodotti e tecniche dell’alta cucina giapponese con il Mediterraneo nello sfondo. Un approccio speculare rispetto a quello di IYO Taste Experience dove il Mediterraneo è il protagonista e il Giappone sta nello sfondo. A pranzo la possibilità di un veloce e flessibile lunch-menu (uno, due o tre piatti a scelta tra un vasto assortimento più dolce), a cena tre menu degustazione da 120, 135 e 150 euro o ampia scelta alla carta.  Nella modernissima cucina Domenico Zizzi, pugliese, che dopo un’esperienza all’Atelier du Rebuchon a Parigi e di cinque anni in Giappone – da Carme Ruscalleda prima e come sous-chef nel ristorante stellato di Heinz Beck poi – torna in Italia con l’occasione di mostrarci il suo talento e il non facile compito di proporre l’alta cucina giapponese contemporanea. 

In sala, una vecchia conoscenza, Savio Bina (Dal Pescatore di Canneto, Cracco-Peck, Isola Rizza e Aromando) coadiuvato da Matteo Coltelli a coccolare, consigliare e proporre agli ospiti vini, sake, tè, distillati, liquori e whisky giapponesi. Le 600 referenze della carta dei vini possono contare su un’imponente cantina a parete – con 6 diverse zone di temperatura – che collega la sala e il sushi banco alla cucina a vista.

Da provare.

La Galleria Fotografica:


  • Notice: wpdb::prepare è stato richiamato in maniera scorretta. La query non contiene il numero corretto di segnaposti (1) in relazione al numero di argomenti trasmessi (2). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.8.3.) in /var/www/test.passionegourmet.it/htdocs/wp-includes/functions.php on line 4201

  • Notice: wpdb::prepare è stato richiamato in maniera scorretta. La query non contiene il numero corretto di segnaposti (1) in relazione al numero di argomenti trasmessi (2). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.8.3.) in /var/www/test.passionegourmet.it/htdocs/wp-includes/functions.php on line 4201